Perchè scegliere un freelance

Freelance su Wikipedia:


"Il termine deriverebbe dal termine medievale inglese usato per un mercenario (free-lance ovvero Lancia-Indipendente o Lancia-libera), cioè, un soldato appunto professionista che non serviva un signore specifico, ma i suoi servizi potevano essere al servizio di chiunque lo pagasse."


Quello che mi colpisce è il "...non serviva un signore specifico..." perchè inquadra esattamente la grande differenza che c'è tra un'azienda o un'agenzia e un freelance.

Se lavoro per un'azienda le mie azioni e i miei obiettivi sono conformati alla sua mission. L'azienda può anche darti un grande margine, ma dovrai comunque attenerti alle sue linee guida di condotta di fornitura di un servizio. Per molti aspetti in realtà è un'attività un po' ingessata, il riferimento ultimo è sempre rivolto all'azienda. Un freelance non si conforma a nessuno se non al proprio cliente. Il prodotto o il progetto del cliente diventa la mission principale, il successo di questo non è riconducibile ad un'azienda ma al freelance stesso e questo per lui è una forte motivazione a fare bene.

I costi di un'azienda sono inevitabilmente più alti, anche perchè nel compenso del servizio svolto deve considerare l'intermediazione di un professionista, di un addetto, un po' come quando si deve acquistare un prodotto che inevitabilmente costa di più se lo si compra da un rivenditore e ancora di più se questo viene recapitato a casa.

Difficile poi che un'azienda o un'agenzia forniscano un servizio o una prestazione isolata da altri servizi, è come se chiedessi ad una compagnia telefonica soltanto il servizio di telefonata sul mio smartphone, senza il servizio di sms, senza altri tipi di prestazioni. Non esiste.

Un freelance non ha intermediari e tra lui e il suo cliente c'è solo il progetto che si sta portando avanti oppure c'è anche solo una piccola prestazione. Un esempio molto semplice è quando mi fu chiesta la realizzazione di un modulo di iscrizione compilabile online da sito web e non semplicemente un file pdf da scaricare e compilare a mano. Era una piccola onlus del settore della protezione animali che intendeva semplificare la modalità di sottoscrizione a socio alla loro associazione e non gli serviva altro che un meccanismo più rapido.

Alla fine preferisco essere un freelance e magari circondarmi di altri freelance e quindi poter indirizzare una richiesta al corretto fornitore di un servizio. L'idea di una rete di professionisti che soddisfi tutte le richieste per ogni aspetto della realizzazione di un progetto mi sembra rafforzare la flessibilità di un singolo freelance, in quanto permette di avere da una parte l'ampiezza di un'agenzia o di un'azienda con molti addetti e dall'altra il fatto che questi stessi addetti, in totale autonomia, non debbono far capo a nessuna entità superiore se non a se stessi.

Mi piace l'idea di una rete di freelance, una rete solidale, una sorta di linkedin tematico user-friendly che copra l'intero spettro delle possibili necessità che un progetto ha per realizzarsi. Una galassia in cui gli astri sono i freelance e ruotano intorno ad un centro comune: il successo di un progetto.


Le offerte di Sitosolidale